Mercoledì 17

Ebbene si, oggi è mercoledì 17 e secondo alcune correnti di pensiero è un giorno che porta sfortuna..o forse era mercoledì 13 e venerdì 17?! Mah, chissà. Di certo fortuna e sfortuna sono due nomi che diamo noi agli eventi. In fin dei conti siamo sempre noi a definire gli eventi che si presentano durante la nostra giornata. Eh si, fortuna e sfortuna non esistono. Esiste solo come noi vogliamo porci nei confronti di un singolo evento.

La storia di oggi è questa: sveglia alle 7.30. Senza aprire gli occhi cerco mio marito nel letto per dargli un bacio. Ore 7.40 sono ancora nel letto, decido di aprire gli occhi mentre lui brontola che vorrebbe dormire ancora un po’. Gli rispondo che non c’è problema, io vado a fare una passeggiata con i puppyn’s (Rufus e Roxy) alias i due carlini. Allora risponde così: “ma anche io voglio camminare…non possiamo andare alle 8?”. In fin dei conti mezz’ora non ci cambia nulla quindi richiudo gli occhi di buon grado e in un attimo sono le 8! Mi alzo, e senza accendere luce o alzare la tapparella cerco di non cadere nel buio della stanza! Arrivo al bagno, alzo la tapparella. Fuori c’è già un sole meraviglioso. Ottima giornata per andare a camminare. Ottima giornata per godere delle nuovissime 24 ore che ho a disposizione. Lavo il viso, tolgo il pigiama e indosso una comoda tuta. Do uno sguardo rapido ai capelli, stanno crescendo e stanno diventando più selvatici che mai!! Ma in fondo mi identificano molto bene! Vado in soggiorno e, mentre mi avvicino alla tapparella, Rufus si sveglia e mi viene a salutare. Il buongiorno degli animali che vivono con te è qualcosa di unico. Sembra sempre che sia la prima volta che ti vedono! Hanno un amore e un affetto unici! Alzo la tapparella e ammiro il lago, nei suoi colori azzurri e nelle sue increspature. Guardo il cielo, azzurro e con qualche nuvola qua e là tanto a ricordare che siamo in primavera e che un acquazzone potrebbe anche arrivare di tanto in tanto! Preparo la caffettiera, il profumo del caffè appena fatto si espande in tutta casa. Mio marito si alza e con fare sicuro entra in soggiorno a dare il buongiorno alla truppa!! Un attimo per vestirsi e poi siamo tutti e 4 pronti per la nostra camminata nel bosco!
Per arrivare al bosco c’è prima una bella salita, di quelle che non vorresti fare alle 8 del mattino quando i tuoi muscoli sono ancora addormentati!! Ma lo fai perché sei motivato, sai che dopo la salita ci sarà il più bel percorso nel bosco che potresti mai trovare vicino a casa! Arriviamo finalmente all’ingresso del percorso nel bosco. Lasciamo liberi i due carlini, loro cominciano a camminare curiosi, annusano qua e là, seguono tracce, fanno il bagno nei ruscelli. Insomma assaporano tutta la bellezza della Natura! Noi camminiamo con lo sguardo che ammira i colori che la primavera porta nei boschi, osserviamo le differenze dei colori che solo un mese prima erano delle tonalità del marrone, era tutto brullo e secco. Oggi le felci escono rigogliose dal terreno. I rami stanno sfoderando tutta la loro forza aprendo le infinite foglie. I fiori sui piccoli cespugli cominciano a farsi vedere. La Natura ha la capacità di addormentarsi e risvegliarsi al momento giusto. Non teme l’inverno, non teme l’uomo. Non teme nulla. Segue il suo corso. Sicura del Suo Essere.
Tu puoi essere lo stesso. Tu puoi essere sicura di te, del tuo vivere, del tuo Essere. Come? Essendo presente. Sapendo qual è la direzione giusta per il tuo benESSERE. Vuoi capire come tracciare la direzione? Continua a seguire questo blog. I passaggi verranno raccontati uno dopo l’altro. A breve, brevissimo.

Iscriviti qui per ricevere sempre i nuovi articoli!

Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: