Sono sulla strada giusta? Fatti ispirare da B. Franklin

In molte fasi della mia vita mi sono spesso interrogata sul percorso che avevo scelto, sulla coerenza delle mie azioni e sulla chiarezza del mio percorso di vita. Un’unica domanda: sono sulla strada giusta?

auto consapevolezza spirito critico

Questo viaggio attraverso gli ostacoli della vita, spesso scaturisce da domande così profonde e penetranti che inizialmente possono sconcertare. Tuttavia, ho scoperto che proprio in questi momenti di incertezza risiedono le risposte più significative. Le risposte che ho trovato non sono mai state scontate, talvolta sono state persino scomode da accettare.

L’uso del pensiero critico su noi stessi è un’arma potente, non tanto per scovare difetti o errori, ma per guadagnare consapevolezza in ciò che stiamo realmente compiendo.

Questo approccio di auto-analisi si rivela fondamentale quando ci proponiamo di crescere, di evolverci, di raggiungere livelli superiori. Ma è un percorso facile?

La storia di Benjamin Franklin offre un esempio eloquente. Franklin ha applicato l’auto-analisi per diventare un uomo migliore e ha fatto fatica, come si legge nella sua autobiografia. Aveva stilato un elenco di virtù che voleva migliorare e ogni sera andava ad esaminarle per comprendere se avesse fatto passi avanti nella sua crescita personale. Partiva da una di queste virtù e si impegnava per tutto il giorno a rispettarla, ripetendo le azioni con costanza quando necessario. Solo quando si sentiva in grado di padroneggiarla passava alla successiva.

Nel 1700 non si usava la terminologia moderna del coaching, tuttavia Franklin seguendo una pianificazione ad obiettivi chiari, misurabili e per step ha intrapreso un percorso di auto-miglioramento. Immagina quante volte, anche lui, scrutando l’orizzonte si sia domandato <sono sulla strada giusta?>

Tutti sanno che Franklin è stato uno dei padri fondatori degli Stati Uniti, ma pochi sanno che era un giovane molto polemico, quel tipo di persone che vogliono avere sempre ragione e che amano mettere a disagio gli altri. Franklin era tutto questo prima di iniziare il suo percorso di crescita personale.

La verità è che c’è sempre una via per diventare la migliore versione di noi stessi. La chiave sta nella volontà, nell’abbandonare le lamentele e nell’osservare attentamente le conseguenze dei nostri comportamenti. L’ultimo passo fondamentale è l’azione.

Ti invito a riflettere su come questa filosofia possa essere applicata nella tua vita. Ogni piccolo passo che intraprenderai verso il miglioramento personale rappresenterà una tua vittoria.

Quando decidi di intraprendere questo cammino, scopri che il processo di crescita personale è un delicato equilibrio tra sfide e successi, ma i risultati possono superare di gran lunga gli ostacoli.

Ora è il momento di agire. Inizia il tuo percorso verso una versione migliorata di te stesso. È un investimento che ti ripaga generosamente nel tempo.

Qual è il tuo punto di vista?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.