Agilità nella PIANIFICAZIONE

pianificazione
Foto di Silvia da Pixabay

Procede il viaggio nella pianificazione!

Agilità nella pianificazione: quanto è importante rendere interattivo l’approccio e come e cosa fare perché funzioni? Oggi ne parliamo per gettare le basi della pianificazione strutturata e funzionale.

Ma, prima, facciamo un passo indietro. Abbiamo iniziato parlando delle basi, degli esempi potenziali e attraverso alcuni esercizi abbiamo iniziato ad allenarla ragionando su pianificazione a lungo e a breve termine, con accenni concreti a che strumenti usare per renderla efficace, considerando che si tratta di un processo dinamico. La scorsa settimana la pianificazione strategica ci ha accompagnato nella comprensione di come un processo a tre passaggi la renda strategica.

pianificazione agilità
Foto di 825545 da Pixabay

Avanziamo attraverso questi sette cruciali punti e svisceriamoli uno alla volta:

  1. approccio iterativo e adattativo
  2. agilità nel processo decisionale
  3. sperimentazione controllata
  4. focus su apprendimento continuo
  5. comunicazione e collaborazioni dinamiche
  6. utilizzo di strumenti tecnologici
  7. riflessione e miglioramento continuo

Approccio iterativo e adattativo

L’approccio che contiene ripetizioni (iterativo) è ciò che ci permette (anche e soprattutto a livello neuro fisiologico) di apprendere nuovi comportamenti e modelli. Renderlo adattativo identifica la nostra capacità di cambiare e trasformare la nostra pianificazione in modo funzionale rispetto al contesto generale.

Agilità nel processo decisionale

Le decisioni devono essere prese in modo tempestivo e le scelte devono ricalcare questo principio. Questo ti mette nella condizione di rispondere velocemente alle opportunità e alle sfide che si presentano sul tuo percorso.

Sperimentazione controllata

Sperimenta nuove idee all’interno della tua pianificazione, ma ricordati che devono essere misurabili e monitorabili. Questo ti consente di valutare se sono meritevoli del tuo impegno perché comprendi se sono efficaci ed efficienti.

Focus su apprendimento continuo

Impara dagli errori e cambia costantemente. Agilità nella pianificazione significa anche mentalità aperta al cambiamento (vedere opportunità anziché ostacoli).

Comunicazione e collaborazioni dinamiche

Quando lavori in team, e l’agenda è condivisa, ricordati di comunicare e coinvolgere tutti i membri del gruppo di lavoro. Lo scopo è favorire nuove idee e spunti di riflessione per adattarsi al meglio alle circostanze mutevoli.

Utilizzo di strumenti tecnologici

Per ottenere maggiori risultati quando lavori in team, e la pianificazione è condivisa, il consiglio migliore è quello di usare software di gestione dei progetti. Software che permettono a tutti di essere allineati e condividere rapidamente informazioni e nuovi stimoli (ad esempio Asana, Trello, Jira).

Riflessione e miglioramento continuo

Incoraggiare a riflettere su nuovi potenziali scenari consente di valutare al meglio il piano, oltre ad identificare le aree di miglioramento e i conseguenti aggiornamenti. Questo aspetto è cruciale per adattare costantemente la pianificazione.

Quello che emerge da questo nostro viaggio nella pianificazione è l’importanza di avere strumenti efficaci, di avere una mente aperta e di riflettere su nuove opportunità e scenari.

Crea la tua cassetta degli attrezzi per pianificare con successo, inizia a lavorare seguendo questi suggerimenti e applicando i concetti condivisi!

Qual è il tuo punto di vista?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.