PIANIFICAZIONE strategica

Cos’è la pianificazione strategica? Oggi affrontiamo il tema della pianificazione dal punto di vista della strategia che ne consegue, per mettere in luce i processi di analisi e le azioni e decisioni da essa derivate.

La pianificazione strategica è il timone che guida le aziende verso il successo.

La strategia collegata alla pianificazione ti permette di:

  1. creare un processo analitico
  2. definire le azioni da attuare
  3. prendere le decisioni per arrivare all’obiettivo

Questo processo in tre punti permette alle aziende di garantire stabilità e risultati in tempi medio-lunghi. È la modalità che permette di anticipare le tendenze di mercato, conoscere e identificare le opportunità di crescita e mitigare i possibili e/o potenziali rischi.

La pianificazione ha, altresì, un ruolo fondamentale per consentire alle aziende di identificare le risorse necessarie per raggiungere gli obiettivi (precedentemente costruiti per essere realmente raggiunti).

Tra le risorse si considerano: le persone e le loro abilità, i finanziamenti interni ed esterni, le tecnologie ed anche le partnership strategiche.

pianificazione obiettivi
Foto di Marcin da Pixabay

Tuttavia, per ottenere una buona e funzionale progettazione strategica è necessario anche considerare i fattori ambientali. Ossia le tendenze di mercato ed i cambiamenti del contesto competitivo.

cambiamento pianificazione obiettivi
Foto di krzysztof-m da Pixabay

Riconoscere i fattori fondanti del programma strategico porta con se benefici visibili e concreti quali, ad esempio:

  1. evidenziazione dei cambiamenti del mercato di appartenenza
  2. diversificazione del business, in funzione dei macro obiettivi aziendali
  3. ottimizzazione dei processi interni

Mi soffermo sul punto 3. che rappresenta un aspetto cruciale per le aziende perché, quando si parla di ottimizzazione dei processi interni, si intende sia i processi tecnici sia i processi per la valorizzazione delle persone dell’azienda.

Le persone, oltre ad essere coinvolte attraverso una leadership partecipativa, necessitano di essere formate ed aggiornate sulle competenze che il mercato dinamico richiede. Questo porta beneficio all’azienda e alle persone stesse, evitando così i complessi turnover di personale e le insoddisfazioni o malcontenti celati sotto la coperta del compiacimento.

In conclusione, la pianificazione strategica deve poter essere monitorata per allineare gli step ai cambiamenti, e alle nuove opportunità che il mercato identifica.

Qual è il tuo punto di vista?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.