PIANIFICAZIONE nella gestione dei progetti

Articolo numero 9 del macro tema pianificazione. Dopo averne esplorato le basi, alcuni esempi, alcuni strumenti utili ed efficaci, oggi ti accompagno nella crucialità della gestione dei progetti.

La pianificazione è il pilastro fondamentale nella gestione dei progetti.

Costituisce, di fatto, il primo passo cruciale per ottenere il successo del progetto stesso. La sua importanza si manifesta con questi ingranaggi

  1. la definizione chiara degli obiettivi
  2. la corretta gestione dei rischi
  3. la corretta allocazione delle persone

Obiettivi che devono avere le caratteristiche che ci siamo detti più volte, obiettivi che devono essere spacchettabili e spacchettati rispetto all’obiettivo generale della pianificazione, al fine di avere una direzione chiara ed amplificare il coinvolgimento di ogni persona del team.

Riduciamo così il rischio di errori, fraintendimenti e confusioni lungo il percorso.

Stabilire la sequenza logica delle attività e monitorarle al tempo stesso, magari usando il diagramma di Gantt (ingegnere statunitense), permette di mantenere la direzione chiara nella riuscita del progetto.

In tutto questo processo logico rientrano anche le persone. Persone che sono l’aspetto cruciale di ogni progetto. È necessario identificare al meglio i ruoli e assegnare le risorse finanziarie; il tutto per ottimizzare l’efficacia del progetto stesso. Evitando così sprechi di tempo, denaro e capacità umane.

Altrettanta importanza ha la gestione dei rischi. Prendere in considerazione le situazioni di emergenza, definire chi avrà un ruolo critico e cruciale, stabilire i tempi e modi di gestione del rischio sono aspetti decisivi per evitare di affossare la pianificazione, o meglio ancora, sono determinanti per evitare disastri (i disastri ambientali della Deepwater Horizon e di Černobyl sono un chiaro esempio di errata gestione dei rischi preventiva).

La pianificazione è un processo dinamico, è necessario essere flessibili e adattabili. È determinante aggiornare e modificare i singoli step in base alle circostanze e agli imprevisti che emergono durante il percorso.

In conclusione, il maggior beneficio che si rileva nella pianificazione è la riduzione dello stress e dell’ansia; un maggior coinvolgimento delle persone è altrettanto presente, unitamente ad una miglior comunicazione che porta a crescita e sviluppo di hard e soft skills.

Ti invito a riflettere sulle tue pratiche di pianificazione, per cercare di migliorare ed accrescere le tue competenze.

Qual è il tuo punto di vista?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.