Cos’è Nosso Lar lo hai letto qui e quindi non mi dilungo oltre.

In questa sezione del sito trovi tutto lo sviluppo del progetto dal giorno zero.

Già il giorno zero, era giugno quando vedemmo per la prima volta questo terreno. Circa 5000 mq, mezzo ettaro di vegetazione. Sei, sette anni senza alcuna cura da parte dell’uomo hanno fatto si che il terreno tornasse alle sue origini di bosco. Depurando la terra da ogni situazione, lasciando crescere gli arbusti liberi, alberi da frutto con ramificazioni impensabili, rovi.. insomma di tutto un po’! Tutti questi lunghi anni senza alcuna cura hanno reso il terreno ideale per le colture biologiche! Evvai!!

Cosa significa biologico?

Oggi è usato in tanti modi e definisce un prodotto nato da una coltivazione priva o quasi priva di elementi chimici o trattamenti intensivi da parte dell’uomo. Ebbene, noi vogliamo fare di più e lo stiamo già facendo. Esiste il modo di coltivare la terra, secondo natura e secondo i suoi bio-ritmi. La consociazione delle piante, la pacciamatura, l’uso di elementi naturali per difendere le colture da parassiti e afidi di vario genere (macerati di ortica, fondi di caffè, cannella… sono tanti i rimedi antichi). L’agricoltura che pratichiamo segue le linee guida di Masanobu Fukuoka. Il Maestro Masanobu è stato il promotore dell’agricoltura del non fare. Dove “non fare” non si intende che il contadino non lavora ma semplicemente che il contadino segue il corso della Natura, che da sola sa come e cosa fare per esprimersi al meglio. Questo tradotto in soldoni significa che le colture crescono ai propri ritmi e in modo sano. Si auto proteggono e permettono al contadino (quindi noi) di lavorare in modo più funzionale ottenendo prodotti di stagione e di lunga durata una volta colti e conservati.

Avrete modo di venire a vedere con i vostri occhi i risultati che stiamo avendo 😉

Iscriviti a questo blog e se ti va iscriviti al canale YouTube

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: